domenica 22 luglio 2012

Fughe e ritorni: mi sento multiplo...libero e legato nell' indissolvibile.




"... Ora vogliamo imparare l'uno dall'altro e giocare insieme.
Io ti mostro il mio piccolo teatro , t'insegno a danzare e ad essere un pò contento e sciocco , e tu mi mostri i tuoi pensieri e un pochino del tuo sapere."

" Oh Erminia , non c'è molto da mostrare : tu ne sai molto più di me. Che strana creatura sei! Sempre mi comprendi e sei un passo più avanti di me. Conto forse qualcosa per te? Non ti annoio?"

Ella abbassò lo sguardo abbuiato, "Non mi piace sentirti parlare così . Pensa alla sera in cui , rotto e disperato, sei uscito dal tuo tormento solitario attraversando la mia strada e sei diventato il mio compagno. Perchè credi che allora abbia potuto riconoscerti e comprenderti?"

"Perchè , Erminia? Dimmelo!"

"Perchè sono come te. Perchè sono così sola come sei tu e non so amare e prendere sul serio la vita e gli uomini e me stessa: proprio come fai tu. Ci sono sempre persone che chiedono il masssimo alla vita e difficilmente si conciliano con la sua rozza stupidità."

da " Il lupo della steppa" di Hermann Hesse

2 commenti:

  1. Citazioni interessanti, sereno divenire Iperipo3.
    Buon tutto.
    Simo (tua follower)
    Http://valzerdiemozioni.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Hermann Hesse...mi ha indicato certe strade che ancora oggi seguo .
    Hermann Hesse...mi ha insegnato la tenacia.
    Grazie per queste parole:
    "Perchè sono come te. Perchè sono così sola come sei tu e non so amare e prendere sul serio la vita e gli uomini e me stessa: proprio come fai tu. Ci sono sempre persone che chiedono il masssimo alla vita e difficilmente si conciliano con la sua rozza stupidità."
    Un saluto.

    RispondiElimina